Anche San Marino celebra la giornata internazionale dell’infermiere

L’Associazione Infermieristica Sammarinese vuole festeggiare con la cittadinanza e con tutti i colleghi la ricorrenza cogliendo l’occasione per alcune riflessioni: "Il nostro impegno primario è nell’Assistere e nel “restare a fianco”: aiutateci dandoci fiducia, affidatevi e fidatevi dell’Infermiere che avete incontrato"

 

[Riceviamo e pubblichiamo]

 

 

Il 12 maggio si celebra nel mondo la Giornata dell’Infermiere ricorrendo la nascita di Florence Nightingale, fondatrice delle Moderne Scienze infermieristiche.

Anche quest’anno l’Associazione Infermieristica Sammarinese (A.I.S.) vuole festeggiare con la cittadinanza e con tutti i colleghi tale ricorrenza cogliendo l’occasione per alcune riflessioni che ci stanno particolarmente a cuore.

Oggi vorremmo che si parlasse di noi e vorremmo parlarvi di noi, delle nostre speranze e di ciò che attorno a noi, nonostante tutto, ci rende fieri di essere parte della categoria degli infermieri.

 

Desideriamo infatti portare alla vostra attenzione esperienze e progetti che Infermieri, con impegno, competenza, passione e costanza hanno realizzato e mettono a disposizione dei cittadini, in aree differenti del sistema salute e in collaborazione con altre figure professionali.

 

In Repubblica da anni sono operativi gruppi multidisciplinari: una rosa di infermieri all’interno del Gruppo Senologico si occupa di prevenzione e di percorsi di cura per le donne operate al seno; un gruppo numericamente importante e di indiscussa competenza si dedica all’impianto di dispositivi intravenosi (PICC TEAM); un altro pool di colleghi, nell’area di emergenza-urgenza e del 118, ha competenze specifiche quali abilitazioni di ALS (Advanced Life Support) e qualifiche di istruttori di BLS D (Basic Life Support con Defibrillatore) su adulti e bambini. Altri infermieri ancora operano all’interno del settore endocrinologico e si occupano di educazione sanitaria, screening e cura di soggetti con disordini metabolici ed altri che invece si impegnano nell’ assistenza sul territorio erogando una vasta gamma di prestazioni tecniche, assistenziali ed educative.

 

Da poche settimane è stato inaugurato l’Ambulatorio Infermieristico Pediatrico con lo scopo di sostenere ed affiancare le famiglie nel percorso di crescita del bambino; ed è inoltre in fase di definizione il progetto per la realizzazione di un secondo Ambulatorio Infermieristico per l’area chirurgica.

 

Queste esperienze rappresentano sfide e vittorie professionali che riteniamo “eccellenze infermieristiche” e che come tali costituiscono motivo di orgoglio e fonti di stimolo per il futuro, nel quale c’è ancora molto da fare.

 

Si tratta certo solo di piccoli esempi nel grande panorama socio sanitario che prevede ogni giorno e ogni notte il lavoro centinaia di Infermieri al servizio di cittadini sani e malati e delle loro famiglie; infermieri che svolgono la loro funzione preminente di “prendersi cura” ancor che “di curare”, accettando la responsabilità di essere “garanti” e rappresentanti di coloro che si trovano in una condizione di bisogno.

 

Il manifesto della Giornata internazionale dell’infermiere 2018

 

Il nostro impegno primario è nell’Assistere e nel “restare a fianco”: aiutateci dandoci fiducia, affidatevi e fidatevi dell’Infermiere che avete incontrato e che incontrerete sulla vostra strada, sul territorio, dentro e fuori gli ospedali; consentiteci di assistervi, nel senso proprio del termine (dal latino “adsistere” cioè “stare accanto”), di ascoltarvi e sostenervi.

 

Gandhi diceva che “nella vita ci sono persone che fanno numero ed altre che fanno la differenza”: l’augurio dell’Associazione a tutti i colleghi e a tutti i cittadini è che ognuno di noi possa tenere sempre viva la Passione per provare a fare la Differenza, forse per una sola persona, oppure per molti, magari in una particolare situazione ed in modo significativo, e riuscire perciò ad “essere d’aiuto” e ad Assistere veramente con Mani, Testa e Cuore!

 

 

Il Direttivo dell’A.I.S.