Fuga dei medici, possibili ritardi nelle visite in Cardiologia

Dal 25 giugno si potrebbero verificare dei ritardi nelle attività ambulatoriali e potrebbero essere posticipate alcune indagini. Saranno garantite tutte le prestazioni e gli interventi aventi carattere di urgenza

L’Iss informa che, a seguito della temporanea riduzione del personale medico specialistico nel Reparto di Cardiologia dell’Ospedale di Stato, dal 25 giugno si potrebbero verificare dei ritardi nelle attività ambulatoriali e potrebbero essere posticipate alcune indagini.

 

“Gli assistiti – assicura l’ufficio stampa – saranno tempestivamente avvertiti in caso di modifiche di appuntamenti programmati”.

 

Inoltre “sono garantite tutte le prestazioni e gli interventi aventi carattere di urgenza”.

 

L’Iss conclude spiegando che “sta predisponendo tutte le misure al fine di ripristinare nel più breve tempo possibile l’organico e la regolare attività della UOC di Cardiologia”.