Blockchain: obiettivo per San Marino divenirne un riferimento mondiale

Una blockchain è un "registro-protocollo" (tipicamente di rete-elettronico) aperto e distribuito che può memorizzare le transazioni tra due parti in modo sicuro, verificabile e permanente. Questo perché i dati scritti in un blocco (relativi ad una operazione) non possono essere retroattivamente alterati senza che vengano modificati tutti i blocchi successivi ad esso e ciò, per la natura del protocollo e dello schema di validazione, necessiterebbe il consenso della maggioranza della rete, non passando dunque inosservato.

Si è riunito a Palazzo Begni per la prima volta il Gruppo Tecnico del Comitato Scientifico dedicato al tema. Si vuole giungere alla definizione di una normativa nello specifico settore di transazioni elettroniche effettuate da diversi soggetti e ubicati ovunque nel mondo.

 

Ne fanno parte Istituzioni sammarinesi, l’Autorità d’informazione finanziaria (AIF), importanti società come Cerved e Cisco, noti professionisti italiani ed il Presidente di San Marino Innovation, Dott. Sergio Mottola, oltre a membri dello staff dell’Istituto. L’obiettivo di San Marino Innovation è quello di fare della Repubblica un hub tecnologico a livello mondiale che possa costituire un riferimento per il mondo dell’economia e delle comunità degli innovatori.

 

Si stanno studiando tutte le applicazioni della tecnologia Blockchain (cfr. sottotitolo), le tematiche normative e le conseguenze delle applicazioni degli stessi ordinamenti per porsi nella rosa dei Paesi leader del settore. Un approccio scientifico, di studio del sistema-Paese e di analisi della tecnologia e della conseguente normativa che dovrà accogliere chi fa impresa in questi settori.

 

Il Presidente Mottola, ha presentato “San Marino Blockchain”: un’approfondita analisi delle più interessanti normative in materia Blockchain vigenti negli Stati più avanzati.